Archivio attualita

Rappresentanti del Governo della Repubblica Italiana a Medjugorje

 

Raimondo De Cardona, Ambasciatore della Repubblica Italiana in Bosnia Erzegovina, e Giuseppe Pizza, Sottosegretario alla Ricerca Scientifica del Governo Italiano, hanno rappresentato il Governo Italiano in occasione dell’apertura della Quattordicesima Fiera Internazionale dell’Economia a Mostar Martedì 5 Aprile. Quel giorno essi hanno visitato anche Medjugorje e, a nome della Provincia Francescana dell’Erzegovina, sono stati accolti dal suo vicario, il Dott. fra Miljenko Šteko. Giuseppe Pizza ha dichiarato per Radio „Mir” Medjugorje: „Ho sfruttato questo poco tempo prima di andare a Roma per fare una capatina a Medjugorje, per pregare in questo famoso santuario in cui sono presente per la prima volta. Sono rimasto sorpreso dalla semplicità e dall’accoglienza ospitale. Questo luogo è particolare e conosciuto in tutta Europa come luogo di preghiera”. Egli ha aggiunto che in Italia la devozione mariana è profondamente radicata e che è fiero del fatto che gli Italiani siano i pellegrini più numerosi in questo luogo di preghiera. „Sono stato qui brevemente, ma amerei tornare di nuovo e trascorrere qui una giornata intera. In questo luogo si sente la pace e con ragione gli Italiani vengono qui in così gran numero” – ha aggiunto il Signor Giuseppe. L’Ambasciatore De Cardona ha detto di essere già stato a Medjugorje: “Ritorno volentieri a Medjugorje, un luogo in cui si sente la pace. A Medjugorje dobbiamo ringraziare i francescani che operano qui e faccio loro i migliori auguri”. 

Objavljeno: 06.04.2011.

Numerosi pellegrini a Medjugorje

 

All’inizio del mese di Aprile 2011 sono giunti a Medjugorje numerosi pellegrini, da ogni parte del mondo. Il bel tempo ed il numero elevato di pellegrini hanno reso troppo angusta la Chiesa Parrocchiale di Medjugorje, tanto che già Sabato 2 Aprile il programma di preghiera serale si è svolto presso l’Altare esterno. Nei primi giorni di Aprile l’Ufficio informazioni ha registrato la presenza di gruppi di pellegrini provenienti dal Messico, dall’Austria, dalla Germania, dagli USA, dall’Irlanda, dall’Italia, dall’Olanda, dalla Spagna, dall’Albania, dalla Slovacchia, dalla Corea, dalla Romania, dalla Polonia. Sono stati inoltre registrati gruppi organizzati di pellegrini croati provenienti da  Šibenik, Zagabria, Spalato, Požega, Drvar. Riguardo alle motivazioni della venuta di così tanti pellegrini, Anna Maria Brancatelli di Catania ha detto per Radio “Mir” Medjugorje: “I pellegrini portano con sé a Medjugorje i propri problemi, sofferenze, croci. Molti vengono in situazioni difficili, ma poi li vedo completamente cambiati. E’ un vero miracolo che molti, quando tornano a casa, entrino nel nostro gruppo di preghiera. Cambiano le persone e le loro famiglie. Ogni anno ogni persona torna con almeno altre dieci persone. Ecco, tra i pellegrini abbiamo avuto due vere conversioni” – ha aggiunto al termine della conversazione.   

Objavljeno: 03.04.2011.

Statistiche di marzo 2011

 

Sante Comunioni distribuite: 85.600

Sacerdoti concelebranti:  1838  (59 al giorno)

Objavljeno: 01.04.2011.

Un Sacerdote dalla Corea: Il mio cambiamento di vita a Medjugorje

 

Il giovane francescano Peter Kim Dae Woo ha visitato Medjugorje per la seconda volta. Egli proviene dalla parrocchia di Incon, in Corea, dove svolge il ministero di cappellano. E’ stato ordinato Sacerdote nel 2009. Ci ha detto che il più grande desiderio della sua vita era diventare un cantante. Studiava ingegneria elettronica, ma il suo grande amore era la musica, a causa della quale ha lasciato l’università, ed ha rilevato: “Ho studiato per quattro anni, ma lo studio non mi interessava e così non apprendevo, cantavo e suonavo solo, perché la musica era tutta la mia vita. Sono stato uno studente fino al momento in cui ho conosciuto la musica. Ho smesso di andare alle lezioni universitarie. A quel tempo avevo anche il soprannome di “fabbrica di bestemmie” perché tutte le mie parole erano volgari, ma questo non mi interessava, vivevo nel mondo della musica. Stavo in compagnia dei ´quasi musicisti´ “. E’ venuto a Medjugorje per la prima volta nel Settembre del  1998. La sua prima conoscenza di Medjugorje era avvenuta nel Febbraio del 1998, quando gli era arrivato tra le mani un libro su questo fenomeno. Continua fra Peter: “Fino a quel momento andavo alla Santa Messa la Domenica. Ma, dopo aver letto quel libro, sono andato in Chiesa e da allora sono andato alla Santa Messa ogni giorno. Quel libro ha svegliato in me un grande desiderio di pregare il Rosario, cosicché pregavo il Rosario ogni giorno. Ho iniziato a vivere i cinque messaggi principali della Madonna di Medjugorje. Quando quel libro mi è arrivato tra le mani, mi trovavo in un periodo difficile della mia vita. Ero caduto in depressione. Anche mia madre soffriva nel vedermi svogliato. Per aiutarmi mi ha domandato se volevo andare a Medjugorje. Sono venuto e la mia venuta a Medjugorje ha cambiato molte cose dal punto di vista spirituale. Il cambiamento era stato grande, ma nel mio cuore c’era sempre il grande desiderio di essere conosciuto come cantante. Quando sono venuto a Medjugorje, ho pianto dal primo all’ultimo giorno, soprattutto durante le Adorazioni e specialmente quando udivo il suono del violino”. Egli è ritornato in Corea e rifletteva se la musica poteva davvero essere la sua scelta per tutta la vita. Dopo il ritorno in Corea, egli ha conosciuto una persona con cui pregava spesso e questa persona gli disse che lui aveva una vocazione. Ha continuato a lavorare. Nei momenti di solitudine sentiva profondamente nel cuore che il Signore lo chiamava: “Dae Woo!”.

Objavljeno: 29.03.2011.

Solennità dell’Annunciazione del Signore

Venerdì 25 Marzo la parrocchia di Medjugorje ha celebrato la Solennità dell’Annunciazione del Signore, che anche quest’anno ha attirato un gran numero di pellegrini da ogni parte del mondo. Così, oltre ad una moltitudine di pellegrini croati, quel giorno sono stati a Medjugorje anche fedeli provenienti dalla Germania, dagli USA, dall’Italia, dalla Corea, dalla Romania, dalla Repubblica Ceca, dalla Polonia, dalla Slovenia, dal Messico, da Portorico e dall’Argentina. Durante quella giornata nella Cappella dell’Adorazione e nella Chiesa Parrocchiale sono state celebrate 11 Sante Messe di cui 3 in lingua croata, alle ore 8:00, 11:00 e 18:00. Come tutti i 25 del mese, nella Chiesa Parrocchiale si è tenuta l’Adorazione notturna a Gesù nel Santissimo Sacramento dell’Altare. Una particolarità di questo tempo quaresimale è anche la meditazione della Passione di Cristo, principalmente nel pio esercizio della Via Crucis. L’orario di tale pio esercizio nella Chiesa di Medjugorje è il seguente: il Venerdì la Via Crucis sul Križevac è alle ore 14:00, mentre in Chiesa Parrocchiale è dopo la Santa Messa serale; la Domenica è prima della Messa per il popolo, cioè alle ore 10:30, e dopo la Santa Messa serale delle ore 18:00.

Objavljeno: 26.03.2011.

Più fiori, meno spazzatura

L’Ufficio Parrocchiale di Medjugorje, la Gioventù Francescana di Medjugorje e la Scuola Elementare di Bijakovići organizzano nella nostra parrocchia per Sabato 26 Marzo una attività di pulizia denominata “Più fiori, meno immondizia”. Lo scopo di tale attività è quello di dedicare un po’ di tempo libero a rendere più bello il nostro circondario, sia per noi che per gli altri. L’attività comincerà Sabato mattina alle ore 10:00. Tutti, dai più grandi ai più piccoli, sono invitati a collaborare. Al termine dell’attività, nel pomeriggio e nella serata di Sabato, verrà organizzata una riunione comunitaria di tutti i partecipanti a seconda delle frazioni.  

Objavljeno: 24.03.2011.

L’apparizione annuale a Mirjana Dragićević-Soldo 18 marzo 2011

La veggente Mirjana Dragićević-Soldo ha avuto apparizioni giornaliere dal 24 giugno 1981 fino al 25 dicembre 1982. In occasione della sua ultima apparizione quotidiana, rivelandole il decimo segreto, la Vergine le rivelò che avrebbe avuto apparizioni annuali il 18 marzo e così è stato in tutti questi anni. Più di mille pellegrini si sono riuniti per la preghiera del rosario alla Croce Blu. L’apparizione è iniziata alle 13:46 ed è durata fino alle 13:50.
Cari figli! Io sono con voi nel nome dell’Amore più grande, nel nome del buon Dio che si è avvicinato a voi attraverso mio Figlio e vi ha dimostrato il vero amore. Io desidero guidarvi sulla via di Dio. Desidero insegnarvi il vero amore, che gli altri lo vedano in voi, che voi lo vediate negli altri, che siate fratelli a loro e che gli altri vedano in voi il fratello misericordioso. Figli miei, non abbiate paura ad aprirmi i vostri cuori. Io con amore materno vi dimostrerò che cosa aspetto da ciascuno di voi, che cosa aspetto dai miei apostoli. Incamminatevi con Me. Vi ringrazio.

Objavljeno: 18.03.2011.

RITIRO SPIRITUALE A MEDJUGORJE

Si è tenuto oggi a Medjugorje il Ritiro Spirituale di Marzo per tutta la Provincia Francescana. Questo Ritiro è stato pensato anche come Seminario nel quadro del programma di formazione permanente. Il tema dell’incontro è stato: “La Riconciliazione con Dio – Teoria e Prassi”. Questa è la seconda volta che a Medjugorje viene organizzato un Seminario sul Sacramento della Penitenza nel quadro di un Ritiro Spirituale e della formazione permanente.
Il Seminario si è tenuto nel cosiddetto “Salone Giallo” che si trova dietro la Chiesa di Medjugorje.
E’ iniziato alle ore 9:30 con la preghiera dell’Ora Media a cui è seguita la conferenza del Dott. Don Ante Mateljan, Professore di Teologia Dogmatica presso la Facoltà Teologica di Spalato.  (photo)

Objavljeno: 16.03.2011.

Pellegrini venuti camminando dalla Slovenia

Un gruppo di otto ppellegrini è arrivato a Medjugorje venerdì 4 marzo 2011 dalla cittadina di Kamnik, in Slovenia. Hanno organizzato il loro pellegrinaggio da molto tempo e tutti e otto hanno camminato per la prima parte del viaggio, successivamente sei di loro hanno continuato in automobile mentre gli altri due – Miha Hribovsek e Vido Kregar hanno camminato per altri 560 chilometri in 14 giorni.

Objavljeno: 12.03.2011.

Diciottesimo incontro degli organizzatori di pellegrinaggi, delle guide dei Centri della Pace e dei gruppi di preghiera e carità legati a Medjugorje

Domenica 6 Marzo, con la registrazione dei partecipanti, è iniziato a Medjugorje il 18° Incontro internazionale degli organizzatori di pellegrinaggi, delle guide dei Centri della Pace e dei gruppi di preghiera e carità legati a Medjugorje. Per l’incontro si sono radunati circa 350 partecipanti, la maggioranza dei quali provengono dall’Italia. Ci sono poi  partecipanti dalla Bolivia, dalla Spagna, dalla Francia, dalla Repubblica Ceca, dalla Slovacchia, dall’Austria, dalla Germania, dall’Irlanda, dall’Inghilterra, ecc.. . Il tema dell’incontro è «Io sono con voi tutti i giorni, fino alla fine del mondo» (Mt 28, 20). I partecipanti prenderanno parte a relazioni, a dibattiti con i relatori, al programma liturgico di preghiera serale e ad altri programmi previsti per loro fino a Giovedì 10 Marzo. Il coordinatore dell’incontro è fra Danko Perutina, francescano di Medjugorje. Il primo di questi incontri si tenne a Medjugorje dal 21 al 23 Giugno 1994, mentre i seguenti si sono svolti a Baška voda, a Tučepi e per diverse volte a Neum. A cominciare dal 2000, esso si tiene nuovamente a Medjugorje.

Objavljeno: 07.03.2011.

Primi giorni di Marzo a Medjugorje

 

Nei primi giorni del mese di Marzo 2011, secondo i dati dell’Ufficio informazioni, hanno visitato Medjugorje gruppi di pellegrini provenienti dall’Italia, dalla Francia, dagli USA, dalla Germania e dalla Romania. Sono state celebrate Sante Messe in lingua croata e nelle lingue dei gruppi di pellegrini degli stati citati. Martedì 1° Marzo 23 Sacerdoti hanno partecipato alla Santa Messa serale nella Chiesa Parrocchiale di San Giacomo a Medjugorje. E’ ancora in vigore l’orario invernale del programma di preghiera che durerà fino al 1° Maggio. I primi giorni di Marzo – dal 6 al 10 – vedranno riuniti a Medjugorje gli organizzatori di pellegrinaggi, le guide dei centri di Medjugorje nel mondo e dei gruppi di preghiera e carità legati a Medjugorje. Il tema dell’incontro sarà: «… Io sono con voi tutti i giorni fino alla fine del mondo». I relatori del seminario di quest’anno saranno Fra Tomislav Pervan, Fra Danko Perutina e Fra Mate Dragićević.

Objavljeno: 03.03.2011.

Statistiche di febbraio 2011

 

Sante Comunioni distribuite: 26.900

Sacerdoti concelebranti:  780  (27 al giorno)

Objavljeno: 01.03.2011.

Il Pečat è un riconoscimento alla missione della Nunziatura Apostolica in BiH

 

ALESSANDRO D'ERRICO

Il Pečat è un riconoscimento alla missione della Nunziatura Apostolica in Bosnia Erzegovina

Data:28.02.2011.

La Redazione del quotidiano della Bosnia Erzegovina „Večernji list“ ha proclamato il Delegato Pontificio persona più meritevole per la promozione del dialogo interreligioso

Scitto da Zoran Krešić (Večernji list)

Il Delegato della Santa Sede in Bosnia Erzegovina, l'Arcivescovo  Alessandro D’Errico, è un diplomatico il cui servizio negli ultimi cinque anni in Bosnia Erzegovina è stato intessuto da un vivo impegno per questo stato e le sue popolazioni, dalla costruzione di una composizione armonica in cui anche i Croati cattolici siano nella stessa posizione con le altre due popolazioni. La Redazione del „Večernji list“ ha proclamato il Nunzio D'Errico persona più meritevole per la promozione del dialogo interreligioso e della tolleranza.
 

Objavljeno: 28.02.2011.

“A Medjugorje si vive la fede”

A Medjugorje, come di consueto a Febbraio, regna un periodo più tranquillo con meno pellegrini. Secondo i dati dell’Ufficio informazioni, dall’inizio di Febbraio hanno visitato Medjugorje gruppi di pellegrini provenienti dalla Repubblica Ceca, dall’Austria, dalla Germania, dagli USA, dall’Italia, dalla Corea e dalla Polonia. Abbiamo incontrato Radoslav Daduliak dalla Slovacchia, che al momento vive a Praga. Insieme alla moglie Marija ha visitato Medjugorje per la prima volta. Ci ha raccontato della sua vita e di essere pieno di impressioni riguardo a Medjugorje. “Questo è il primo luogo in cui sento che le persone vivono con Dio nella loro vita. Si ode la preghiera delle persone, qui si vive la fede! Per me Medjugorje è il più bel posto del mondo” – ha detto Radoslav.

Objavljeno: 11.02.2011.

Ricordo dei francescani uccisi

Dal 4 al 7 febbraio a Siroki Brijeg vengono ricordati i 66 anni passati da quando i francescani di Herzegovina furono uccisi e la ricorrenza è denominata Giorni dei francescani uccisi. Solo nella provincia di Herzegovina sono stati uccisi 66 francescani durante e dopo la seconda guerra mondiale. Poiché 34 di loro provenivano dal monastero di Siroki Brijeg e 12 sono stati bruciati vivi nel giardino davanti alla chiesa, Siroki Brijeg è stato nominato come luogo principale della provincia dove avverrà ciò e la giornata centrale delle celebrazioni sarà il 7 febbraio. 
Il 10 febbraio è il giorno commemorativo del Beato Alojzije Stepinac ed il giorno in cui vengono ricordati i francescani uccisi della parrocchia di Medjugorje. La santa Messa delle 18 sarà celebrata per i seguenti sacerdoti defunti: Fra Krizan Galic, Fra Jozo Bencun, Fra Marko Dragicevic, Fra Mariofil Sivric, Fra Grgo Vasilj e Fra Jenko Vasilj che è stato ucciso brutalmente nella seconda guerra mondiale. 
La santa Messa per i sette francescani uccisi a Mostar sarà celebrata lunedì 14 febbraio, fra questi tre provenivano dalla parrocchia di Medjugorje: Fra Jozo Bencun, Fra Grgo Vasilj e Fra Bernardin Smoljan che ha fatto costruire la croce sul Krizevac come parroco della parrocchia nel 1933.

Objavljeno: 08.02.2011.